giovedì 12 novembre 2009


















Velazquez

"Narrasi a questo proposito un molto curioso aneddoto. Il consiglio legislativo della Cisalpina, di cui Parini era membro, teneva la sua adunanza nello stesso luogo dove siedeva l’antica Cameretta e dov’eravi un gran crocifisso, che un giorno alcuno di quegli esaltati repubblicani fece levar via. Giunto Parini e non vedendo più il crocifisso chiese fieramente ai colleghi: dov’è il cittadino Cristo? Al che eglino, ridendo e motteggiando, risposero averlo fatto riporre altrove perché non aveva più nulla a fare colla nuova repubblica. Ma l’austero poeta soggiunse: ebbene, quando non c’entra più il cittadino Cristo non c’entro più nemmen’io. E si dimise immediatamente dal suo ufficio".


Vincenzo Monti, In morte di Lorenzo Mascheroni, 1802



2 commenti:

Sirim ha detto...

E Parini non era certamente un mistico, anzi in tarda età si lamentava di essere stato "costretto" a diventare un prete. Invece ora fior fior di credenti sarebbe d'accordo...

maria stella ha detto...

Ho letto ieri il volantino e oggi il brano che hai pubblicato: servono cristiani che vivano Cristo